tutti gli articoli
tempo lettura: 4 minuti
Fisso/Mobile
22 giugno 2021

VPN aziendale: 5 consigli utili per navigare sicuri con prestazioni garantite

Sommario

    Per le aziende i dati sono sempre più importanti e devono essere protetti.
    Ma come essere certi che queste preziose informazioni siano al sicuro quando un collega accede alla rete aziendale da una sede secondaria? Oppure quando un tuo collaboratore lavora dal PC di casa o da uno smartphone collegato a una rete WiFi pubblica?
    Uno dei servizi più utili per le aziende che vogliono proteggere i propri dati dai pericoli del web è la VPN (Virtual Private Network).

    VPN Vianova, collegati in modalità protetta alla tua rete ovunque tu sia

    Una buona VPN aziendale protegge dagli attacchi informatici

    La vulnerabilità delle reti internet è confermata dalla frequenza di attacchi informatici, data breach e altri problemi legati alla sicurezza informatica. Dal 2017 a oggi gli attacchi informatici gravi sono aumentati del 66% e hanno causato danni a livello globale per 3400 miliardi di euro, due volte il PIL italiano (Fonte: Rapporto Clusit 2021).
    Tutelarsi è possibile.

    La VPN è una “rete virtuale privata” che permette di connettersi da remoto alla rete aziendale in modo protetto, da qualunque dispositivo.

    Il boom di attivazioni di VPN negli ultimi anni è legato al sempre più frequente utilizzo dello smart working. I pericoli per la sicurezza aumentano infatti quando ci si connette da reti esterne non protette o con hotspot.

    Ma l’importanza di una buona VPN aziendale, quindi di livello professionale, non si limita a questo.

    Cos’è una VPN aziendale e perché è importante attivarla

    La VPN serve per connettere un singolo PC o una intera LAN (Local Area Network) di una sede aziendale ad un’altra sede dello stesso Cliente o all’esterno. In pratica quello che accade, ad esempio tra una banca e i suoi Clienti (che possono accedere in sicurezza come esterni a determinate informazioni), tra concessionari auto e case madri, tra commercialisti e agenzia delle entrate.

    Il termine virtuale si riferisce al fatto che i computer non sono fisicamente collegati tra loro come accade in una LAN (Local Area Network). La VPN sfrutta un’altra infrastruttura fisica, messa a disposizione dal provider, sulla quale viene creato il cosiddetto tunnel VPN.

    All’interno di questo tunnel virtuale i partecipanti autorizzati a una sessione possono scambiarsi informazioni rese invisibili all’esterno grazie a sistemi di crittografia e autenticazione.

    Un servizio di VPN professionale porta quindi vantaggi notevoli alle aziende.

    • garantisce la sicurezza, l’integrità e l’autenticità delle informazioni private anche se queste vengono trasmesse attraverso la rete pubblica
    • consente l’accesso sicuro a lavoratori da remoto, filiali, clienti e fornitori
    • permette di realizzare una rete aziendale facilmente scalabile (ad esempio aggiungendo o eliminando utenti) e con bassi costi di connettività
    • evita gli accessi di utenti non autorizzati alla propria rete
    • controlla la provenienza dei dati trasmessi e garantisce che i dati non siano stati modificati durante la trasmissione.

    Scegliere il fornitore giusto per la VPN è importante per motivi di sicurezza, privacy, prestazioni e assistenza. Ecco 5 punti importanti da tenere in considerazione.

    1. Sicurezza e privacy: scegliere il giusto provider

    Senza VPN i dati transitano in internet in chiaro, e quindi possono essere facilmente intercettabili da hacker e malintenzionati.

    La VPN garantisce la sicurezza, l’integrità e l’autenticità delle informazioni private anche se queste vengono trasmesse attraverso la rete pubblica.

    I dati in uscita da un PC in VPN vengono crittografati e inviati ai server sicuri del provider. I sistemi di crittografia e incapsulamento trasformano tutti i dati inviati e ricevuti in un linguaggio incomprensibile dall’esterno.
    Anche se qualcuno riuscisse a mettere le mani sui dati, non potrebbe leggerli.

    Quando utilizzate una VPN, la richiesta di accedere alle risorse online arriva inoltre da un indirizzo IP diverso dal vostro, cioè quello del provider. In questo modo diventa ancora più difficile penetrare la vostra rete e rubare i vostri dati.

    Quando si parla di sicurezza è però necessario scegliere un provider VPN affidabile.
    Scegliere servizi gratuiti di provider sconosciuti espone a diversi rischi per la sicurezza: i vostri dati potrebbero anche essere protetti da minacce esterne, ma chi assicura dell’uso che ne farà il provider stesso?
    E in caso di attacco informatico al provider, cosa potrebbe accadere ai vostri dati?

    I server VPN che erogano i servizi devono essere protetti in Data Center sicuri, ridondati affidabili con misure rigorose per la protezione dei dati e con sistemi di sicurezza informatica che impediscano attacchi esterni o blocchi del traffico.

    Su questo punto è importante un ulteriore chiarimento. La VPN non offre la protezione completa di un antivirus. Le aziende dovrebbero comunque adottare misure di protezione contro ransomware, trojan e altri malware che potrebbero essere diffusi all’interno della rete aziendale da siti, file, messaggi o device infetti. La VPN è una grande barriera dalle minacce esterne, ma la sicurezza deve essere tutelata anche all’interno della rete.

    2. Una protezione inattaccabile by design

    Chi si occupa della creazione della VPN con tutti i relativi sistemi di sicurezza e del suo costante aggiornamento? Le aziende possono seguire due strade.

    Alcune aziende preferiscono attivare la VPN su apparati di proprietà con indirizzi IP pubblici.
    In questo caso l’installazione e la manutenzione delle VPN è interamente in mano all’azienda.

    La soluzione più semplice è affidarsi completamente al provider.

    In questo caso il servizio viene erogato in modalità as-a-service, è chiavi in mano e non richiede alcuna competenza interna. L’operatore può fornire un pacchetto completo (installazione del firewall, monitoraggio della rete e risoluzione di eventuali problemi) e garantire la qualità del servizio (QoS), anche per la voce e in generale per i servizi business (es. ERP, videoconferenza ecc).

    Per la massima sicurezza i collegamenti possono essere realizzati su indirizzi IP privati e quindi sono, by design, inattaccabili dall’esterno.

    3. Velocità e sicurezza con il giusto protocollo

    Quando si parla di VPN è impossibile ignorare l’importanza del protocollo.

    Come abbiamo già detto, la VPN instaura un tunnel sicuro attraverso cui far transitare il traffico dati. Il protocollo è la maniera in cui viene costruito questo tunnel, sfruttando sistemi di trasmissione e standard di crittografia.
    Lo scopo finale è raggiungere con sicurezza e velocità i server VPN del provider.

    Ogni protocollo ha caratteristiche proprie: alcuni migliorano la velocità, altri sono più adatti a chi predilige la privacy e la sicurezza dei dati.

    Tra i protocolli più noti e utilizzati figurano MPLS, GRE, L2TPe IPsec Hardware Accelerated.

    Un provider professionale che offra supporto dedicato può aiutare l’azienda a individuare il protocollo più adatto alle sue esigenze.

    4. Navigare sicuri con prestazioni garantite

    In tanti si chiedono se una VPN possa influire sulle prestazioni dei collegamenti dati.
    In alcuni casi la risposta è sì. Se si utilizza un servizio VPN gratuito o fornito da un provider OTT, non è possibile contare su connessioni di rete a elevate prestazioni.

    Affidarsi a un servizio professionale erogato dallo stesso provider che ci fornisce la connettività permette di ovviare a questo problema.

    In questo caso, infatti, le informazioni del Cliente viaggiano solo sulla rete dell’operatore, e non su Internet, quindi posso usufruire di performance di rete migliori per latenza, numero di hop e packet loss. La rete dell’operatore offre anche garanzie sulla continuità e la qualità del servizio.
    La stessa cosa che avviene anche per i servizi Cloud.

    5. Semplificare il lavoro con un’assistenza rapida e affidabile

    Se scegli una VPN gratuita e poi hai un problema, chi ti risponde in caso di necessità di assistenza?

    Installare e gestire una VPN non è sempre semplice, soprattutto per aziende che non possono contare su un reparto IT interno.
    E anche per le realtà più strutturate gestire le attivazioni  di collegamenti VPN di sedi secondarie, collaboratori o fornitori che accedono dall’esterno alla rete aziendale, è un’attività che occupa tempo e risorse.

    Sulla bilancia pesa molto la questione dell’assistenza in caso di guasti o problemi: quali sono i tempi di risposta e i livelli di assistenza garantiti dal tuo provider?

    Scegliere un fornitore strutturato e dedicato alle imprese permette di poter contare su un’assistenza puntuale e rapida che alleggerisce il lavoro del reparto IT in fase di installazione o aggiornamento ed è determinante in caso di guasti.

    Inserisci i tuoi dati per rimanere aggiornato
    Informativa sulla privacy

    Le informazioni fornite saranno trattate per le finalità di cui al numero 6 dell'informativa sulla privacy.

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER